fbpx Skip to main content
-- Storia

La Casa Milanese

Una storia di riservatezza e charme

Un viaggio nel tempo che inizia nel XV secolo. Palazzo Brivio ha assunto diversi stili a seconda delle epoche che ha attraversato. Una caratteristica in linea con il volto cangiante della città di Milano, che non è mai uguale a se stessa, ma evolve e cambia di continuo come un misterioso camaleonte urbano.

Dallo stile rinascimentale a quello neoclassico, l’edificio cambia inesorabilmente durante la Seconda Guerra Mondiale, quando il 13 agosto del 1943 una bomba incendiaria colpisce il palazzo devastando irrimediabilmente l’ala sud in via delle Cornacchie (oggi via Cornaggia). Nel 1972 l’ala sud viene ricostruita dall’ingegnere Cetti Serbelloni riprendendo le linee razionaliste dal gusto di Caccia Dominioni. Il Palazzo, oggi Casa Brivio, resta fedele al suo ultimo volto grazie al progetto dell’architetto Matteo Thun. Anche gli interni rispettano il design milanese del ‘900.

La cornice architettonica

Lo stile architettonico dello stabile, dopo il rifacimento del 1972, si ispira al Razionalismo di Caccia Dominioni. L’architetto Matteo Thun ha rispettato il progetto originale e l’iconico stile Milanese del Novecento, con la partecipazione dello storico brand di design di interni Cassina.

LE STANZE/
SUITES

Le stanze/suites sono pensate con un design unico. Gli arredi scelti sono tutti firmati Cassina, storico brand italiano che vanta progetti su misura realizzati da grandi nomi del design, da Le Corbusier a Philippe Starck.

LE STANZE/
SUITES

Le stanze/suites sono pensate con un design unico. Gli arredi scelti sono tutti firmati Cassina, storico brand italiano che vanta progetti su misura realizzati da grandi nomi del design, da Le Corbusier a Philippe Starck.